Venirsi incontro

Venirsi incontro è necessario, non solo nel senso classico del termine, ma soprattutto nel senso di venire incontro a se stessi. È la base di una buona capacità di lavorare da soli e in collaborazione con altri.

Sai perché #venire incontro a te stessa è un'ottima cosa? Perché pone le basi del tuo #lavorare bene anche con gli altri. A maggior ragione nella #traduzione! Condividi il Tweet

Venirsi incontro: se stessi

Non si pensa mai alla necessità di venire incontro a se stessi. Dimmi la verità: quando hai letto il titolo di questo post nemmeno tu ci hai pensato, vero? Ed è proprio questo il problema: non si considera mai la possibilità che ci sia una parte di noi, più istintiva o più riflessiva, che dovremmo ascoltare e qualche volta accontentare.

Venirsi incontro nel senso di ascoltarsi e capirsi è una cosa che non siamo abituati a fare. Abbiamo la tendenza a ignorare le sensazioni “di pancia”, magari perché ci sono cose più pressanti: quel progetto ci serve proprio, è un periodo che lavoriamo poco, e non importa se il settore non ci piace più come all’inizio e se in realtà non avremmo proprio il tempo per accettarlo: mettiamo a tacere questa voce, prendiamo il progetto e ci spremiamo come un limone per consegnarlo.

E forse dovremmo fare il contrario. Forse dovremmo starci a sentire di più, trovare dei compromessi con noi stessi. Abbiamo scelto un settore di specializzazione che in realtà ci ha deluso; perché non trovare qualcosa di interessante con cui sostituirlo gradualmente? Abbiamo bisogno di una pausa: perché non trovare una collega che abbia la possibilità di accettare quel progetto al posto nostro? Il nostro istinto ci spinge verso un settore di nicchia: perché non assecondarlo? Il web è pieno di corsi gratuiti che potranno aiutarci a capire se ne vale la pena.

E poi c’è un’altra cosa, ancora più importante: se impari ad ascoltarti e rispondere in modo corretto alle esigenze – con una resa completa o con un compromesso accettabile – saprai lavorare meglio anche con gli altri.

Venirsi incontro: gli altri

La collaborazione con qualcuno è fatta di compromessi, di saper ascoltare e capire quando arretrare e quando insistere. È un continuo venirsi incontro, a tutti gli effetti.

Abituarsi al compromesso con se stessi è secondo me fondamentale per allentare la rigidità che può mettere a rischio la collaborazione con altri colleghi. Non tanto perché altrimenti non ci riusciremmo, ma soprattutto perché la nostra capacità di cogliere le sfumature aumenta: riconosciamo la stanchezza che mesi prima aveva sopraffatto anche noi, la necessità di fare una pausa, la paura di non essere all’altezza, la confusione, la noia perché è un progetto che serve ma non entusiasma.

Nelle collaborazioni portiamo tanto di noi, delle nostre insicurezze e delle nostre certezze, di tutto quello che va oltre la nostra competenza di traduttori e che ci rende persone a tutto tondo. E il nostro modo di porci farà la differenza tra una collaborazione di successo e la decisione di non incrociarsi più nemmeno per sbaglio.

Impariamo ad andare incontro a noi stessi: ne gioveremo noi, la nostra vita, il nostro lavoro e le persone con cui avremo la fortuna di lavorare.

Published by
Lettura, scrittura e traduzioni sono le passioni della mia vita. Dal 2015 lavoro come traduttrice freelancer per mettere le mie passioni al servizio della mia vita.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.