Essere fedeli a se stessi

Essere fedeli a se stessi è una delle cose più complicate da fare nei momenti di incertezza, quando ci si sente particolarmente inadeguati e in difetto. Ma è anche una delle più importanti prove di forza che ci possono dimostrare il nostro valore, la nostra tenacia e la nostra determinazione.

Essere #fedeli a se stessi è difficile, ma è la vera #forza che ci sostiene nei momenti di difficoltà. Condividi il Tweet

Fedeli a se stessi e insicuri

Prima o poi capita a tutti: i clienti sono pochi, magari pagano anche in ritardo, i guadagni non corrispondono all’impegno profuso per ottenerli, le occasioni migliori ci sfuggono da sotto il naso. È facile in una situazione come questa pensare di “tradirsi”, ad esempio scegliendo una specializzazione nella traduzione che non ci è particolarmente congeniale ma che ci sembra molto remunerativa.

Non è secondo me una soluzione ideale; prima di tutto, significa ripartire da zero o quasi, e secondariamente, anche in quei casi in cui non si riparte da zero ma si riprende una strada interrotta tempo prima, il ritorno in termini economici e non potrebbe non protrarsi a lungo termine. Nel momento di difficoltà però potrebbe sembrarci la strada più giusta; potrebbe sembrarci addirittura la strada più semplice. Ma funzionerà?

In momenti come questi, quando scegliere un certo settore di specializzazione è il risultato di un puro calcolo economico, secondo me è il caso di fermarsi e chiedersi: «è quello che mi piace davvero?». Certo, è una visione romantica del lavoro, me ne rendo conto. Però mi chiedo anche come sarebbe lavorare in un settore che non mi appassiona, che mi annoia, che mi rende pesante un lavoro che in realtà amo, solo perché in un momento in cui mi sentivo inadeguata e non all’altezza ho deciso di scegliere qualcosa che non mi è congeniale. Solo perché ad un certo punto ho deciso di smettere di essere fedele a me stessa.

Fedeli a se stessi e felici

È nei momenti di difficoltà che le nostre risorse interiori diventano ancora più importanti. Ricordo di aver letto, diverso tempo fa, la testimonianza di una traduttrice che la riportava in un gruppo su Facebook: diceva che grazie alla sua passione per la birra era diventata una professionista estremamente qualificata proprio in quel settore. Aveva costruito un glossario di tutto rispetto e di fatto, se qualcuno cercava una traduttrice nel settore della birra e nella sua combinazione linguistica, lei era la persona di riferimento.

Una competenza del genere non si costruisce dall’oggi al domani. Si costruisce con il tempo, con la determinazione, affrontando di petto le difficoltà e usando i tempi morti per approfondire ancora di più le proprie conoscenze. Ecco, forse è questo che dovremmo fare nei momenti in cui i clienti scarseggiano: non limitarci a inseguire il settore che paga di più, ma approfondire ancora di più le nostre competenze e le nostre conoscenze del settore che più ci è congeniale, quello che rappresenta la nostra vera passione, che si tratti dei bugiardini dei farmaci, della composizione chimica di alcuni prodotti, dei documenti legali o degli articoli scientifici. È così che il lavoro sarà una gioia anche quando sarà pesante, e non la sofferenza che sarebbe se ci costringessimo entro limiti che ci stanno stretti.

Non è facile essere fedeli a se stessi. È però l’unico modo per raggiungere i nostri obiettivi, a breve e a lungo termine.

Published by
Lettura, scrittura e traduzioni sono le passioni della mia vita. Dal 2015 lavoro come traduttrice freelancer per mettere le mie passioni al servizio della mia vita.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.