La chiarezza dentro, la forza fuori

Nei momenti di incertezza, è importante fare chiarezza dentro di sé per riuscire a trovare le giuste collaborazioni e anche per riuscire a difendere con sicurezza le proprie scelte.

La #chiarezza ti dà #forza: se sei sicura delle tue scelte in #traduzione, saprai collaborare meglio con i colleghi. Condividi il Tweet

La chiarezza dentro

C’è stato un momento in cui ho dovuto scegliere, come tutti i traduttori, quali erano i settori in cui mi sarebbe piaciuto specializzarmi. A quei tempi avevo un’unica certezza: il mio ideale era la traduzione editoriale, ma avevo letto in giro abbastanza da sapere che avrei dovuto probabilmente affiancare anche altri settori di specializzazione per poter guadagnare cifre dignitose.

La tentazione di specializzarmi in tutto quello che mi piaceva o che suscitava il mio interesse era forte, e i primi tempi non avevo poi così tanta consapevolezza da rendermi conto che non ci si può specializzare in qualsiasi cosa. Solo più avanti, scontrandomi con la realtà, ho capito che bisogna scegliere con attenzione. Il che non significa prendere il settore che promette di farti guadagnare di più; significa capire qual è il settore in cui non ti pesa approfondire.

Tempo fa, per esempio, ho letto in un gruppo di Facebook la testimonianza di una traduttrice che raccontava come la sua passione per le birre artigianali si fosse trasformata nella sua specializzazione, al punto da costruirsi un glossario di tutto rispetto e diventare il punto di riferimento per la traduzione nel settore della birra. Ecco, è proprio questo quello che intendo: questo argomento interessava così tanto a questa traduttrice che approfondirlo per lei era un piacere, non un peso.

Se si sceglie un settore di specializzazione solo sulla base delle possibilità di guadagno che quel settore offre, si può andare incontro a scelte che non fanno per noi. Ha senso decidere di specializzarsi nella traduzione farmaceutica se quel campo per noi è estremamente noioso? Ovviamente, no. Certo, bisogna anche tenere conto della nostra combinazione linguistica e delle possibilità di guadagno nei vari settori, ma non credo che l’approccio “scelgo il settore che mi farà guadagnare di più, qualunque esso sia” sia quello corretto. Con quel settore poi ci dovrai lavorare per buona parte della tua vita. E se è quello sbagliato, diventa dura.

La forza fuori

Scegliere con attenzione significa quindi considerare tutti gli aspetti della specializzazione, dalle opportunità di lavoro alla possibilità di approfondire sempre di più, dalle combinazioni linguistiche alla quantità di traduttori che lavorano in quello stesso settore, dalle nostre attitudini alle nostre capacità.

Se si riesce a fare chiarezza dentro di sé, si riesce anche ad affrontare meglio le difficoltà che si possono presentare. E non solo; nei momenti di incertezza che verranno più avanti, perché verranno, questo è sicuro, avremo già una strada più o meno tracciata e riusciremo a scegliere meglio come muoverci.

La chiarezza ci permette anche di porci in modo diverso rispetto ai collaboratori o ai colleghi con cui ci troveremo a lavorare. Se sai quello che vuoi, se sai perché hai fatto una determinata scelta, se hai ferma fiducia in quella scelta, allora riuscirai a dare un apporto migliore a qualsiasi lavoro di squadra. È ovvio che ci saranno contestazioni che ti porteranno a rivedere la tua traduzione e a decidere che effettivamente la persona che hai davanti ha ragione. Ci saranno anche spiegazioni delle tue scelte che non convinceranno molto il tuo cliente e che ti porteranno a mettere in discussione te stessa. Questo è assolutamente normale e credo che faccia parte del processo di crescita professionale. Ma ci saranno anche contestazioni che non avranno ragione d’essere e spiegazioni convincenti; ma tutto questo nasce dal fatto che devi essere per prima sicura di quello che fai e che devi avere ben chiaro quello che vuoi ottenere.

Ieri ho letto, in un gruppo su Facebook, un post che trattava di tutt’altro argomento. Una copywriter raccontava la sua esperienza con un’altra figura professionale e spiegava come era riuscita a convincere la sua boss che il suo punto di vista era quello corretto. Ed era vero, il suo punto di vista era quello corretto. Ma credi che avrebbe convinto qualcuno, se lei stessa fosse stata incerta e poco sicura delle sue scelte?

Chiarezza e forza

Pensaci: tu con chi preferisci lavorare? Con le persone che hanno un costante bisogno di una rassicurazione dall’esterno e che sono confuse o con le persone che sono chiare, determinate, capaci di difendere le loro scelte ma anche di tornare sui loro passi quando è necessario?

Pensaci: tu quale delle due persone preferisci essere? E perché non cominci a esserlo?

Published by
Lettura, scrittura e traduzioni sono le passioni della mia vita. Dal 2015 lavoro come traduttrice freelancer per mettere le mie passioni al servizio della mia vita.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.