La traduzione e la paura di essere creativi

La traduzione e la paura di essere creativi camminano mano nella mano: da una parte vuoi essere fedele al testo, dall’altra hai la necessità di non esserlo affatto. E lì nasce il timore di andare troppo oltre, di distaccarsi troppo, di essere troppo creativi nella soluzione proposta.

Come ci si districa?

La #traduzione e la #paura della #creatività: due anime diverse da conciliare al meglio! Condividi il Tweet

La paura di essere creativi: perché nasce

In un articolo di diverso tempo fa, ti ho raccontato di come traducevo agli inizi, di quanto fossero legnosi i testi che creavo e di come fossi ossessivamente legata all’essere fedele al testo. È una fase che è durata un po’ di tempo, e ti rimando a quell’articolo per capire come l’ho risolta: oggi voglio parlarti di come a volte sia la paura di essere troppo creativi è frenarci. Continua a leggere

La soluzione non arriva? Allenati!

La soluzione non arriva? Allenati: gli effetti sul cervello potrebbero sorprenderti! Se stai riflettendo da una buona mezz’ora sulla traduzione migliore per una certa frase, e non riesci a trovare una soluzione soddisfacente, forse puoi prenderti una pausa e andare a farti una passeggiata. Una bella camminata infatti potrebbe aumentare la capacità di pensiero creativo fino al 50%, come puoi leggere in questo articolo.

Non si tratta solo di camminare; in realtà quello è solo un modo per impegnare il tempo che non dedichi al lavoro. Quello che è importante infatti è il prendersi il tempo necessario per staccare e pensare ad altro, perché il nostro cervello sta lavorando comunque e può trovare soluzioni nei momenti più strani. E a volte, anche meno opportuni: ti faccio due esempi tratti dalla mia esperienza diretta.

Nel tempo libero

All’inizio di luglio dovevo iniziare il mio lavoro sulla traduzione di un nuovo romanzo. Se mi segui da un po’, saprai che ho un lavoro part-time al mattino e che mi dedico alle traduzioni il pomeriggio; per questo, solitamente mi prendo una pausa di circa due ore tra uno e l’altro.

Ebbene, stavo giocando al cellulare, senza prestare particolare attenzione alla televisione, che era comunque accesa in sottofondo. Stavano trasmettendo Beautiful, e a un certo punto uno dei personaggi ha usato le parole “nuova e migliorata”. Non è stata una reazione volontaria, e sinceramente se dovessi spiegare che cosa è successo esattamente nel mio cervello, non saprei farlo. Ma subito, senza alzare gli occhi, sempre continuando con il mio gioco sul cellulare, ho detto quasi a voce alta: «new and improved!». È un’espressione che si trova spesso in inglese, che si usa per indicare un cambiamento in meglio. Ma la cosa strana è che io non stavo ragionando in inglese, che non stavo seguendo con attenzione il programma e che in realtà stavo facendo tutt’altro. Eppure il mio cervello ha fatto immediatamente quel collegamento.

È stata una cosa che mi ha stupito molto e che mi ha permesso di capire che, in realtà, anche quando non pensi di occuparti di lavoro lo stai facendo comunque. È ormai un’abitudine, e spesso lo fai in maniera del tutto inconscia e involontaria, ma magari nascono così le idee migliori.

È ora di staccare

Lo stesso giorno, ho iniziato la preparazione del primo capitolo del nuovo romanzo da tradurre, com’è mia abitudine; mentre leggevo, mi sono resa conto che nel giro di pochi paragrafi si ripeteva una sigla, PA, e dal contesto si capiva bene che si trattava di una segretaria.

Il problema però era che non mi veniva proprio in mente a cosa potesse corrispondere quella sigla Continua a leggere

Ho provato Babelcube: ecco cosa ne penso

La scorsa estate ho provato Babelcube: ero nel periodo che passa tra una traduzione e l’altra, stavo attendendo delle risposte e ho deciso di testare questo sito che mi compariva spesso tra gli annunci nella bacheca di Facebook. Per chi non lo sapesse, Babelcube è un sito che si ripromette di far incontrare gli autori, perlopiù auto pubblicati, e i traduttori, che vengono pagati con le royalties: in sostanza, percentuali sulle vendite. Queste percentuali sono divise in diverse fasce, e la prima, quella immediatamente accessibile, è abbastanza allettante da attirare i traduttori. Si tratta infatti del 55% del prezzo di vendita dell’ebook fino a 2000 $ di incasso.

Oltre questa soglia, la percentuale del traduttore via via si abbassa.

Ho deciso di provare il sito più per curiosità che per reale convinzione di poterne trarre un guadagno congruo. Voglio condividere con te le impressioni che quest’esperienza mi ha lasciato.

Come funziona Babelcube

Il funzionamento del sito è abbastanza intuitivo: ti puoi registrare come autore, e in quel caso caricherai le opere che vuoi far tradurre, o come traduttore, e in quel caso potrai scorrere l’elenco delle opere caricate e potrai fare un’offerta in caso trovassi qualcosa che ti interessa.

Per fare la tua offerta, hai a disposizione pochi dati: la lunghezza in parole del testo originale e una piccola anteprima, più o meno una pagina, che dovrebbe servirti per capire la qualità del testo. Sulla base di questo, dovrai fare la tua offerta, indicando anche due date di scadenza: la prima relativa alla consegna della traduzione delle prime dieci pagine, la seconda relativa alla consegna della traduzione terminata. Se l’autore accetta la tua offerta, potrai scaricare il testo completo da tradurre e l’Agreement, ovvero un contratto che regola i tuoi rapporti con l’autore e con Babelcube. Dovrai poi caricare le prime dieci pagine tradotte, che l’autore dovrà approvare, e poi dovrai caricare la traduzione completata, revisione compresa: anzi, di revisioni da contratto ne dovrai fare tre. L’autore quindi dovrà approvare la traduzione terminata, e quando l’avrà fatto comincerà la distribuzione sui vari bookstore on-line. A questo punto potrei verificare le vendite del libro e le royalties che hai guadagnato.

I fattori positivi

L’assunto su cui si basa Babelcube, ovvero la condivisione degli introiti tra autore e traduttore (sottratta ovviamente la percentuale che il sito trattiene), potrebbe anche essere interessante:

l’autore carica la sua opera, il traduttore la trova abbastanza interessante, impegna il suo tempo per tradurla, Babelcube la pubblica sotto una sua etichetta in vari bookstore on-line, e il ricavato delle vendite viene suddiviso in modo da premiare il traduttore fino a una certa soglia per poi riequilibrare le percentuali nelle fasce successive Continua a leggere

L’effetto “in originale era così”

Da un po’ di tempo, soprattutto per i libri tradotti dall’inglese, mi succede una cosa particolare: mi capita, infatti, che a volte una frase mi faccia pensare che “in originale doveva essere così”. Non sono mai andata a controllare se effettivamente l’originale è come ho immaginato, ma non penso che sia poi importante: quello che conta è l’effetto, davvero strano, che la traduzione ha avuto anche sul mio modo di leggere.

Effetto di una lunga esposizione

Come ti raccontavo nel post Come mi sono innamorata della traduzione, negli anni dell’università e poi nei successivi ho tradotto molte storie amatoriali. Questa esperienza mi è sicuramente servita moltissimo: ho acquisito i meccanismi dei CAT Tools (anche se in realtà per la traduzione letteraria non vanno usati), ho scoperto quali erano le risorse online a cui rifarmi, ho ben chiaro dove andare a cercare una cosa in particolare, ho creato glossari e in generale sono passata da una traduzione “squadrata”, fedele ma che a volte suonava male in italiano, a una traduzione un po’ più libera ma fedele al senso e al significato, che è molto meglio.

Ma quello che chiamo l’effetto “in originale era così” non l’ho mai avuto; la molla è scattata solo con la mia prima traduzione letteraria. Non so spiegare come mai: probabilmente in quel periodo ero ancora troppo novellina e dovevo fare un salto di qualità, per cui ero concentrata su quella sorta di passaggio a un livello più alto. D’altro canto, se ancora avevo difficoltà a capire quando una frase va rovesciata per avere un suono naturale in italiana, come potevo anche solo pensare a risalire a come doveva essere in originale?

Per riprendere l’esempio che ho fatto nel post di cui sopra, sarebbe stato come pretendere di sapere come ci si sente a terminare una maratona dopo aver fatto una corsetta di cento metri.

Penso che la lunga esposizione alla lingua inglese, effetto di anni di traduzioni amatoriali e letture in lingua e in traduzione, abbia poco a poco cementato da una parte la mia capacità – e di riflesso, la mia sicurezza – nella traduzione, e dall’altro mi abbia preparato a questo strano effetto Continua a leggere